Se c’è una madre di tutte le domande che viene posta a chi propone come me case in vendita è sicuramente questa: “Quanto è trattabile il prezzo?”.

Per chi cerca casa è molto frequente rimanere deluso dalla visione dal vivo della casa che era piaciuta tanto guardandone le foto nell’annuncio dell’agenzia tal dei tali.

Può capitare quando si decide di mettere in vendita una casa di essere contattati da Agenzie Immobiliari che, in cambio dell’incarico di vendita in esclusiva, offrano un servizio fotografico fatto da un professionista e ultimamente, date le restrizioni per il Covid, alcune anche i virtual tour interattivi a 360 °.

Una domanda che mi viene fatta spesso dai clienti è su cosa siano i mq commerciali (poiché spesso negli annunci la dimensione di una casa viene indicata con questa misura), in cosa differiscano dai mq di superficie calpestabile e perché vengano utilizzati

Oggi torno su un argomento già affrontato in un mio articolo di Dicembre sugli errori dei venditori (e che si può leggere qui per capire cosa sono la conformità urbanistica è catastale citate nel titolo e oggetto dell’articolo odierno),

Ben conosciuti sono il Contratto Definitivo di Compravendita Immobiliare (il Rogito) e il Contratto Preliminare di Compravendita Immobiliare (volgarmente chiamato il compromesso).

Negli ultimi anni però si è diffusa sempre di più la Proposta d’Acquisto,

Ormai da tempo la figura dell’Agente Immobiliare si è affrancata da quella classica del sensale in cui si era semplicemente una figura informata che metteva in contatto le parti.

Poiché l’incarico di esclusiva è un contratto, io lo paragono al contratto di matrimonio: se sposi la persona giusta sarà una favola, se sposi la persona sbagliata sarà un incubo.

Su i pro e i contro di dare l’incarico di vendita in esclusiva ad un Agenzia Immobiliare del proprio immobile se ne sentono di ogni tipo, vediamo di fare un po' di chiarezza su cosa vuol dire e cosa comporta, partendo prima di tutto nello spiegare cos’è e in cosa ci si impegna per poi nell’analizzarne i pro e i contro nel prossimo articolo

Per usufruire delle agevolazioni fiscali prima casa, che abbiamo già visto nei precedenti articoli consentono un notevole risparmio di imposte, bisogna avere 4 requisiti di cui uno riguarda l’immobile che si acquista e tre la figura dell’acquirente.