Mercoledì, 25 Novembre 2020 16:19

Errore n° 2 dei compratori - Impegnarsi in una proposta d’acquisto o in un preliminare vincolante senza aver fatto i necessari controlli

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Questo è uno dei punti dolenti e più critici di tutto l’iter di compravendita immobiliare.

Rimango sempre perplesso di fronte al fatto che forse si dedichi più tempo a studiare le caratteristiche che dovrà avere il nostro nuovo cellulare piuttosto che controllare, in maniera quanto meno non superficiale, la casa che si sta comprando.

Forse non tutti sanno che un preliminare è un contratto che può obbligare le parti in maniera pesante e che una proposta d’acquisto una volta accettata (e conosciuta dal proponente l’accettazione) diventa anch’essa un preliminare.

Sento spesso dire: “ Tanto c’è il notaio che controlla tutto al rogito”.

A parte che su questo comunque ci sarebbe tanto da dire perché gli obblighi del notaio sono inferiori a quello che si pensa, ma il problema vero è che quando si arriva dal notaio spesso è tardi perché si è già versata una caparra.

Siamo sicuri che ce la restituiranno facilmente e che non saremo costretti ad adire le vie legali che si potrebbero protrarre per chissà quanto tempo?

Siamo sicuri di poterci liberare dagli obblighi contrattuali sorti con il preliminare (o proposta d’acquisto accettata) perché il notaio ha scoperto qualcosa che non andava senza andare in causa con i venditori?

E se il problema scoperto dal notaio è risolvibile, ma i tempi sono lunghi, quanti problemi sorgeranno con questo procrastinare l’acquisto?

 Mia nonna diceva: “ Se dobbiamo fare lite facciamola subito”

 Per cui poiché:

  • Far controllare a un geometra lo stato di legittimità urbanistica di un immobile costa qualche centinaio di euro

  • controllare che non ci siano ipoteche o trascrizioni giudiziarie costa poche decine di euro,

  • controllare la situazione condominiale costa una telefonata all’amministratore

  • Visionare l’atto di provenienza di un immobile ci darà informazioni importanti su come i venditori ne sono venuti in possesso(per esempio potrebbe essere una donazione con tutte le sue implicazioni

pretendiamo dal venditore o dall’agente immobiliare queste informazioni prima di impegnarci in una proposta d’acquisto in modo da evitare il rischio di comprare male una casa (che costa un po’ di più di un cellulare)

Vito Desanguine

01 Novembre 2020

Letto 67 volte Ultima modifica il Lunedì, 01 Novembre 2021 08:16

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.