Domenica, 27 Giugno 2021 08:48

L’Agente Immobiliare: un po’ medico generico, un po’ direttore d’orchestra

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Alcuni si chiedono perché affidarsi ad un Agente Immobiliare e pagargli la provvigione piuttosto che fare da soli e risparmiare.

Per spiegarlo semplicemente, paragonerò il nostro lavoro a quello di altre due figure professionali che nulla hanno a che vedere con la nostra professione, ma che ci serviranno per capire meglio quello che facciamo.

L’Agente Immobiliare, oltre al classico e fondamentale ruolo di trovare l’acquirente giusto o la casa giusta tramite le sue conoscenze o i suoi investimenti pubblicitari, nella fase iniziale di una trattativa assume il ruolo che nella sanità ha il medico generico.

Mi spiego meglio: il medico generico (avendo questi una cultura generale della medicina) indirizza i propri pazienti verso il medico specialista più indicato a risolvere il loro malanno nel caso non sia di facile guarigione, evitando così pericolose perdite di tempo prezioso che altrimenti sarebbero molto frequenti se uno provasse a capire cosa l’affligge andando da uno specialista piuttosto che da un altro (magari a pagamento) senza avere la certezza che poi sia quello giusto da cui dover andare.

Allo stesso modo l’Agente Immobiliare avendo una cultura generale delle varie problematiche (legali, urbanistiche, edilizie, fiscali) che possono incombere sugli immobili oggetto della trattativa, può indirizzare da subito i clienti verso il professionista più indicato a risolvere gli eventuali intoppi (piuttosto frequenti tra l’altro) che possano rischiare di far saltare la trattativa e che non sono risolvibili tramite una normale attività di mediazione.

E quindi anche lui come il medico generico, capito il problema indirizzerà il cliente da chi è più opportuno consultare (che sia un avvocato, piuttosto che un geometra, piuttosto che un commercialista), facendo risparmiare tempo prezioso od errori causati dal fai da te o dai consigli di chi non ha una competenza generale, ma specialistica. Per esempio un geometra potrebbe non accorgersi di eventuali clausole contrattuali penalizzanti o un commercialista potrebbe non accorgersi di eventuali problemi urbanistici. Questo potrebbe causare errori poi difficilmente rimediabili (come firmare contratti che sarebbe stato meglio evitare).

Una volta che la trattativa abbia preso il volo poi, l’Agente Immobiliare si calerà in un ruolo che è simile a quello di un direttore d’orchestra in quanto coordinerà l’intervento delle varie figure che serviranno a portare a termine l’iter di compravendita.

E quindi: si interfaccerà con il perito della banca per il mutuo dell’acquirente, con lo studio del notaio che redigerà il rogito, con i tecnici che cureranno eventuali pratiche edilizie di sanatoria, con chi si occuperà dello sgombero dei mobili dai locali, con l’amministratore del condominio e con chiunque altro serva.

Un solo professionista quindi che farà da filtro tra il cliente e tutti gli altri necessari a completare in maniera corretta una compravendita.

Ovviamente sto parlando della figura dell’Agente Immobiliare che opera in maniera professionale, sia perché lo è, sia perché crede che sia il modo più giusto di esercitare questo lavoro. Per esempio crede che sia giusto accompagnare il cliente fino al rogito nelle varie fasi successive all’accordo già raggiunto con la proposta d'acquisto accettata o con il preliminare.

Sarebbe inutile a questo punto negare che ci siano Agenti che si comportano in maniera non molto professionale.

Lo fanno prima di tutto perché probabilmente non sono neanche Agenti Immobiliari, ma si comportano da tali esercitando in maniera abusiva il nostro ruolo (e mi riferisco anche ai vari professionisti che arrotondano).

In secondo luogo perché le pecore nere sono presenti in ogni figura professionale, anche nei medici prima chiamati in causa.

Ma come l’esistenza di pecore nere nel settore sanitario non ci impedisce di avere fiducia nella categoria dei medici e quindi di usufruire della loro conoscenza per guarire dalle nostre malattie, allo stesso modo bisogna avere fede che generalmente un Agente Immobiliare Professionale ci sarà di grande aiuto nella nostra compravendita.

Bisogna solo stare attenti a scegliere quelli giusti (come tra l’altro per qualsiasi professionista).

Vito Desanguine

27 Giugno 2021

Letto 97 volte Ultima modifica il Venerdì, 08 Ottobre 2021 14:59

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.